sabato 23 marzo 2013

Crostata di ricotta pugliese

Passata la festa del papà, è subito tempo di pensare a Pasqua che ormai è vicinissima... e ho cominciato dal dolce, con questa buonissima crostata di ricotta che ho visto su una rivista, in uno speciale dedicato ai dolci pasquali con la ricotta.

Ma perché iniziare proprio con un dolce pugliese e non con uno della tradizione culinaria pasquale napoletana?

Quello che forse non ho ancora mai detto è che, sebbene io sia napoletana, mio marito, invece, è di origini pugliesi... per la precisione, della provincia di Bari... anche se, per motivi di lavoro, vive fuori regione da ormai 15 anni... perciò ogni tanto mi piace cimentarmi nella preparazione di piatti pugliesi... e devo dire che ricevo sempre la sua approvazione.

Quando ho letto la ricetta di questa crostata sulla rivista, mi sono subito ricordata di un dolce che ho mangiato a casa di mia suocera sia in occasione della Pasqua sia in altre occasioni (ogni occasione è buona per fare un dolce così buono) e ho subito deciso di farla per questa Pasqua... è una crostata profumatissima, davvero squisita! Da provare!





Crostata di ricotta pugliese
Ingredienti e dosi per la pasta (per uno stampo di 30 cm):
-500 gr di farina 00
-200 gr di burro
-200 gr di zucchero
-1 cucchiaino di lievito per dolci
-2 uova
-1 pizzico di sale

-1 limone (scorza grattugiata)

Ingredienti e dosi per il ripieno:
-1 kg di ricotta
-350 gr di zucchero
-2 uova
-1 bustina di vanillina
-1 pizzico di cannella
-3 cucchiai di maraschino
-100 gr di gocce di cioccolato

Preparazione:
ho setacciato in una ciotola la farina; vi ho aggiunto il lievito, lo zucchero e il sale e ho mescolato



ho formato la fontana e ho aggiunto al centro il burro ammorbidito e tagliato a tocchetti



e ho lavorato per qualche minuto con le punte delle dita fino a formare un composto bricioloso



Ho riformato la fontana e ho aggiunto al centro le uova e la scorza grattugiata del limone



Appena l'impasto ha preso consistenza, l'ho trasferito sulla spianatoia infarinata e ho impastato rapidamente ma delicatamente fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo



Ho avvolto il panetto nella pellicola per alimenti



e l'ho fatto riposare in frigorifero per 30 minuti.
Intanto, ho preparato il ripieno: ho setacciato la ricotta in una ciotola capiente



ho aggiunto lo zucchero e ho lavorato la ricotta con lo zucchero fino ad ottenere una crema morbida



Ho unito le uova e ho amalgamato


Ho unito, ora, gli aromi: la vanillina, la cannella e il maraschino e ho mescolato


Infine, ho unito alla crema di ricotta le gocce di cioccolato (in realtà, la ricetta originale prevedeva i canditi ma a casa mia non piacciono a nessuno e ogni volta che ci sono i canditi in un dolce sono tutti lì intenti a scartarli, per cui li ho sostituiti con le gocce di cioccolato. Mi suocera, invece, non mette né canditi né gocce di cioccolato) e le ho amalgamate


Trascorso il tempo del riposo in frigo, ho ripreso l'impasto l'ho steso sulla spianatoia infarinata, formando una sfoglia piuttosto sottile


Con la sfoglia ottenuta, ho foderato la teglia che avevo precedentemente imburrato e infarinato, avendo cura di far aderire bene la pasta ai bordi della teglia e ritagliando la pasta in eccesso


Ho versato all'interno del guscio di frolla il composto di ricotta e l'ho livellato con una spatola



Ho steso di nuovo la pasta avanzata e, con l’aiuto di una rotella dentellata tagliapasta, ho creato delle strisce larghe circa 1,5-2 cm



Ho incrociato le strisce sulla farcia di ricotta



Ho cotto la crostata in forno già caldo a 180°C per 1 ora.
Ed ecco la crostata appena sfornata



Ho fatto raffreddare bene la crostata, ho decorato la superficie con zucchero a velo, ho tagliato a fette e servito



Squisita, ed è finita praticamente subito!

Con questa ricetta partecipo ai seguenti contest:

1) una dolce Pasqua








del blog Morena in cucina




Un abbraccio e buona domenica delle Palme a chi passa di qua!


10 commenti:

  1. Lo sai, i dolci semplici, quelli della tradizione, quelli che abbiamo imparato a fare dalle nostre nonne o dalle nostre mamme... alla fine secondo me sono sempre i più buoni! Complimenti, questa crostata dev'essere ottima e anche x la precisione con cui spieghi i passaggi... Buona Pasqua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pienamente d'accordo: a me piace tanto sperimentare sempre cose nuove ma poi quando faccio i piatti della tradizione, quelli che conosco fin da bambina, hanno tutto un altro sapore ;-)

      Elimina
  2. Ciao grazie per la ricetta, l'ho inserita nel contest, in bocca al lupo!
    Vale

    RispondiElimina
  3. Dev'essere buonissima! Inserisco subito, grazie!

    RispondiElimina

  4. Complimenti un bella ma sicuramente ottima crostata un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  5. Ciao, che bella deve essere buonissima....morbidissima come piace a me!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è morbidissima... e non solo la crema ma anche la pasta frolla, per l'aggiunta del lievito, risulta morbida e non croccante

      Elimina